Posted on

BioEdilizia: Come scegliere casa ?

Come in tanti ora staranno pensando, la scelta di una casa o appartamento è principalmente in funzione della posizione, dei collegamenti, della parte estetica……”e qui c’è un errore di partenza”.

La prima domanda che dovremmo porci è: vogliamo una casa che sia un investimento o un peso economico nel tempo oltre che salutare ?. Il primo passo da fare è capire la stratigrafia delle pareti, la correzione dei ponti termici, il tipo di isolamento, l’esposizione solare…

Ponti termici ? Isolamento ? Perché ?

Problema ricorrente in molte strutture sono le macchie di muffa sulle pareti, alla base sono causate sempre da un problema di isolamento che causa il passaggio e l’accumulo di umidità in alcuni punti della struttura creando la formazione di muffe maleodoranti sulle pareti.

Il problema delle macchie di muffa può dipendere dalla totale mancanza di isolamento nelle pareti, ma anche un insidioso ponte termico dovuto ad un cattivo isolamento, cioè una zona o un punto dove tra la parte interna e quella esterna del muro manca l’isolamento con conseguente passaggio (da qui la definizione di ponte) di umidità da fuori a dentro.

Avete presenti le facciate macchiate di muffa scura di alcuni edifici? Ecco, quello è un ponte termico dovuto alla mancanza totale di isolamento all’interno della parete. Quando invece le macchie di muffa si concentrano negli angoli e nelle giunzioni significa che l’isolamento manca fra travi e pilastri: le pareti magari sono isolate bene, ma ci si è dimenticati della struttura portante e dato che il cemento armato è un buon conduttore di umidità pilastri e travi diventano ponti termici.

Il problema è aggravato dai fattori climatici: forti escursioni termiche, basse temperature, piovosità e scarsa insolazione fanno proliferare le macchie di muffa in mancanza di un adeguato isolamento. Tipicamente i danni dei ponti termici sono più evidenti nelle zone a clima freddo e nella stagione invernale, quando la differenza di temperatura tra esterno e interno è più elevata. Come per il muschio sugli alberi, la parte preferita da umidità e muffe è quella esposta a nord perché non è scaldata dal sole.

La situazione è delicata e il danno dei ponti termici è sempre duplice: da una parte c’è la dispersione termica di calore che fa salire le spese del riscaldamento , dall’altra c’è un problema ancora più serio legato alla salute. La muffa, di diversi tipi, è una colonia attiva di microrganismi fungini e può arrivare a compromettere seriamente la vivibilità di un ambiente anche per chi non ha particolari allergie.

Se volete maggiori informazioni per la scelta della casa ideale non esitate, venite a trovarci.